Cura del bordo palpebrale

Le nostre ghiandole di Meibomio sul bordo palpebrale producono un film lipidico che stabilizza e protegge il film lacrimale. A ogni battito di ciglia, questo liquido lacrimale viene distribuito sull’occhio affinché l’occhio non secchi, resti pulito e sia protetto. Il bordo palpebrale assume quindi un’importante funzione per i nostri occhi. Se i bordi palpebrali sono irritati oppure le ghiandole di Meibomio occluse, questo si manifesta con disturbi fastidiosi.

L’infiammazione del bordo palpebrale (blefarite) e i suoi sintomi

Se sui bordi palpebrali si verificano alterazioni oppure le ghiandole di Meibomio sono occluse, questo influisce direttamente sul film lacrimale: si consuma più rapidamente favorendo così gli occhi secchi. Di conseguenza, i sintomi di un’infiammazione del bordo palpebrale sono molto simili a quelli degli occhi secchi:

  • occhi stanchi, che prudono e bruciano.
  • Occhi lacrimanti
  • Sensazione di corpo estraneo
  • Palpebre arrossate, gonfie o appiccicose
  • Incrostazioni e squame sul bordo palpebrale

Coloro che soffrono di blefarite dovrebbero evitare di usare lenti a contatto e rinunciare ad applicare make-up nella zona degli occhi. Altrimenti si rischia di irritare ulteriormente gli occhi.

Le cause della blefarite

Il motivo più frequente della blefarite è un’infezione batterica con stafilococchi (batteri del gruppo dei cocchi). Ci sono però altre cause della blefarite, di natura non infettiva: quando le ghiandole lungo il bordo palpebrale, le cosiddette ghiandole di Meibomio, sono disturbate (disfunzione della ghiandola di Meibomio, MGD). Le ghiandole di Meibomio producono lipidi in quantità non sufficienti per il film lacrimale, da cui risulta appunto una blefarite.

È possibile combattere la blefarite, tra gli altri, con la corretta cura del bordo palpebrale. Qui potete scoprire come prendervi cura al meglio dei vostri bordi palpebrali:

Trattare la blefarite grazie alla cura del bordo palpebrale

Se trattate correttamente, le infiammazioni acute del bordo palpebrale passano normalmente entro poche settimane. Se invece si soffre di blefarite cronica, il caso è più problematico. Qui è necessario ottimizzare assolutamente l’igiene del bordo palpebrale. Con la corretta cura è possibile lenire i disturbi fastidiosi.

La cura del bordo palpebrale è composta da due azioni: innanzitutto, si rimuovono le squame o incrostazioni con acqua o con una lozione apposita. Poi, con una cura corretta, si stimolano le ghiandole del bordo palpebrale al fine di migliorare la qualità del film lacrimale. Chi si prende cura regolarmente dei propri bordi palpebrali può ridurre di molto il rischio di blefarite o di un’infezione nella zona oculare. Come potete leggere di seguito, potete prendervi cura dei bordi palpebrali nei seguenti modi:

Impacchi caldi

 

Riscaldate un po' di acqua e immergetevi un panno o un dischetto di ovatta. Dopo di che, posizionatelo 3-5 minuti sulle palpebre chiuse.

Inoltre: più l’acqua è calda e meglio il grasso indurito si scioglie nelle ghiandole di Meibomio. Tuttavia, l’acqua per gli impacchi non deve essere più calda di 45 °C.

Massaggio del bordo palpebrale

 

Chiudete gli occhi e con gli indici massaggiate le palpebre superiori dall’alto verso il basso. Dopo di che, ripetete la procedura con le palpebre inferiori, massaggiandole però dal basso verso l’alto. In questo modo si stimolano le ghiandole in cui il grasso si è indurito e accumulato.

Pulizia del bordo palpebrale

 

Inumidite un bastoncino di ovatta con acqua. Staccate leggermente la palpebra inferiore dall’occhio e sfregate delicatamente con il bastoncino i bordi delle palpebre. Eseguite la stessa procedura sulle palpebre superiori.

Pomate o gocce per la cura palpebrale

 

In caso di bordi palpebrali infiammati Similasan BlephaCura® Liquid può dare sollievo.

Similasan consiglia di integrare la cura del bordo palpebrale nella cura del corpo quotidiana al fine di prevenire la blefarite cronica.

Importante per l’igiene del bordo palpebrale: utilizzate i pad di ovatta solo una volta e non condivideteli in nessun caso con altri. Altrimenti è possibile che vengano trasmessi dei batteri. Le salviette umide sono meno adatte per la cura del bordo palpebrali poiché vi si possono annidare dei batteri.